fbpx
I Caraibi a Bigolino
By admin

I Caraibi a Bigolino

Concludo il tour del Piave con uno dei luoghi più bizzarri che mi sia mai capitato di vedere esplorando queste zone, il parco del Settolo Basso, detto anche Parco del Piave.

Siamo sulla sponda sinistra del fiume, all’altezza di Bigolino, frazione di Valdobbiadene. Qui un’ampia golena del fiume somma, quasi riassumendo, tutte quelle caratteristiche viste in precedenza nelle altre zone naturalistiche lungo il suo corso: le microisole rocciose e le grotte carsiche, i bacini e le canalette di risorgiva, la ricchezza e la varietà della vegetazione, la vitalità della fauna.

Più ci si inoltra nel parco, più ci si accorge che la storia di questo luogo è caratterizzata anche da un intervento antropico che dura da decenni, plasmandone non solo la superficie ma anche la biodiversità.

Dicevo che è un luogo bizzarro, e infatti la visita riserva momenti assolutamente surreali: i tronchi e sassi trascinati e “donati” dalle acque del Piave (soggetto sacro in questi territori) sono stati trasformati in sculture primitive, a tratti totemiche e non prive di richiami pagani, mentre quasi da favola appaiono le scalette e i ponticelli (decisamente instabili) che permettono di scalare i massi panoramici lungo la sponda del fiume. C’è anche una casetta, costruita su un cucuzzolo, che sfugge alle comuni regole riguardanti le proporzioni architettoniche.

E infine, dopo aver attraversato uno stretto tunnel tra la vegetazione (c’è persino un piccolo bosco di bambú che fa molto Sol Levante), si spunta in un palmeto tra una cascata e una spiaggia bianchissima sullo sfondo di acque color zaffiro.

Sembra di essere ai Caraibi ma si è sempre a Bigolino, o forse sull’isola di Lost…

  • No Comments
  • Giugno 29, 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.