Le bellezze naturalistiche del Montello
By admin

Le bellezze naturalistiche del Montello

👈👈👈 Spostare lo sguardo dai luoghi della Grande Guerra alle bellezze naturalistiche del Montello comporta un cambio di prospettiva vertiginoso, per cui ci si rende conto dell’assoluta relatività dei concetti stessi di tempo e di movimento nello spazio anche in un’area così limitata tanto per la storia dell’Uomo quanto della Terra.
Il Montello è un rilievo sub-alpino fotografato, in questo spazio di tempo che è la nostra storia, in uno stadio intermedio tra la collina e il monte, ovvero la crisalide di una futura montagna il cui divenire noi lo percepiamo solo attraverso gli effetti collaterali di questa evoluzione.
Da una parte, o meglio sotto, tra la crosta terrestre e il mantello, ci sono i movimenti dei continenti che scontrandosi creano montagne e depressioni e fanno crescere di circa mezzo millimetro l’anno questo “piccolo monte” di conglomerato.
Dall’altra parte, o meglio “sopra”, cioé verso nord, la roccia si muove come un esercito e trova a contrastarla il Piave, che erode la sua avanzata con un’azione altrettanto inesorabile e costante.
Ma come i protagonisti del racconto della Grande Guerra, il Piave non è solo un soldato in difesa del fronte, è anche uno scultore, che in questo scontro drammatico coglie l’opportunità per creare qualcosa di nuovo: si insinua nella roccia, la erode dall’interno plasmando percorsi sotterranei, aggredisce le frane scavando passaggi naturali, ne ingloba alcune parti in micro-isole dove la vita germoglia nuovamente e si creano nuovi mondi con le proprie regole.
Nacque così la grande grotta carsica del Tavaran Grando, la più famosa e spettacolare del Montello e uno dei punti di maggior interesse del sentiero dei bunker di cui ho parlato nel precedente post.
Chi lo sa se i soldati che vi trovarono riparo per un lungo anno di guerra percepivano quanto era contemporaneamente antico e nuovo questo luogo: una scultura delle acque del Piave in continuo divenire, ma anche un tetto sotto cui gli esseri umani trovavano riparo fin dal Paleolitico.
  • No Comments
  • Giugno 21, 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.