fbpx
Santuario della Beata Vergine del Covolo
By admin

Santuario della Beata Vergine del Covolo

A Crespano del Grappa (TV) sorge un antichissimo santuario dedicato a Maria. Fu edificato per volere della stessa Madonna che, si racconta, nel XII secolo compì tre miracoli.

Il primo e più importante si lega al potere divino di ‘far udire i sordi e far parlare i muti’: una povera pastorella sordomuta di Crespano aveva portato le sue pecore a pascolare sul monte Frontal, come di consueto. Fu sorpresa però da una tempesta come non se ne erano mai viste ed ebbe paura di morire per il vento forte, la grandine, il terreno scivoloso, il gelo sopraggiunto all’improvviso. Pareva notte. La ragazzina, che, muta, non poteva chiedere aiuto né, sorda, poteva sentire urlare il suo nome da persone che l’avrebbero forse cercata, non poté far altro che rifugiarsi in un covolo del monte (spaccatura nella roccia/grotta) e piangere rannicchiata, sperando di non morire e convinta ormai di aver perso le sue pecore. Le apparve Maria ed ella per la prima volta in vita sua udì ciò che le veniva detto da quella bellissima signora che aveva visto solo nei dipinti o ritratta nelle statue: ‘Scendi a Crespano: voglio che sia costruito un santuario per me proprio qui. Scendi e dillo a tutti!‘. La giovane fu in grado di rispondere e acconsentire: poteva capire e parlare. La ragazza uscì dalla grotta e vide il sereno e le sue pecore ancora al pascolo. Scese e parlò agli abitanti che subito si prodigarono per costruire il santuario. Per la posizione difficile, tentarono di costruirlo altrove ma le costruzioni crollavano di notte (secondo miracolo). Decisero allora di costruirlo dov’è adesso, vicino al luogo dell’apparizione e Maria fece sgorgare una sorgente affinché si abbeverassero (terzo miracolo). L’edificio fu ampliato nell’Ottocento poiché i pellegrini divennero sempre più numerosi, date le proprietà curative dell’acqua del santuario. A chi si deve il rifacimento ottocentesco? Antonio Canova.

La fonte dalle molte proprietà, in realtà, era nota già in età paleoveneta e le popolazioni primitive lì praticavano il culto della Madre Terra.

  • No Comments
  • Luglio 8, 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.